Anche questo anno tutte le aziende con superfici in agricoltura biologica devono mettersi al lavoro entro e non oltre il 31 gennaio. Secondo la normativa vigente “entro il 31 gennaio di ciascun anno...l'operatore provvede ad inserire nel SIB (Sistema Informativo Biologico) … le informazioni previsionali sulle produzioni biologiche relative ai seguenti programmi annuali...”. In altri termini l'agricoltore deve necessariamente provvedere all'invio del PAP (programma annuale delle produzioni) entro fine gennaio.

Ma cosa si rischia se non si è in regola con la comunicazione in biologico?

In caso di mancata predisposizione del PAP, l’Organismo di Controllo dovrà rilevare la non conformità per mancata compilazione dei programmi di produzione con conseguente provvedimento di diffida. Tutti gli operatori (ad esclusione dei terzisti) sono tenuti a presentare il PAP, anche nel caso in cui non sia prevista alcuna produzione o importazione, anche nel caso in cui tutte le produzioni siano sub-appaltate a terzi.

Si consiglia vivamente a tutti i produttori (zootecnici ed agricoli) di rivolgersi ai propri CAA (Centri di Assistenza Agricola) o ai loro tecnici di fiducia.

primi sui motori con e-max
 
Copyright © 2018 Terrenitalia.it. All Right Reserved.
Powered By Joomla Perfect