ben

 


ben

L’Agenzia delle Dogane, con nota del 15 settembre 2017, è intervenuta con un chiarimento sul regime dei carburanti agevolati utilizzati per lavori agricoli DM 454/2001, disciplinante l’applicazione delle accise sui carburanti con aliquote ridotte in riferimento alla benzina e agli oli da gas utilizzati per lo svolgimento delle attività agricola.

Le macchine per le quali deve essere destinato il gasolio agricolo sono quelle previste dall’articolo 57 


del codice della strada, gli impianti e le attrezzature destinate a essere impiegate nelle attività agricole e forestali, le macchine per la prima trasformazione dei prodotti agricoli e gli impianti di riscaldamento delle serre e dei locali adibiti ad attività di produzione.

L'Agenzia, a chiarimento di alcuni dubbi interpretativi, ha stabilito che per accedere al beneficio fiscale sul carburante agricolo il contratto di comodato dei terreni deve necessariamente assumere forma scritta ed essere sottoposto a registrazione. Ciò, secondo l'Agenzia, si ritiene necessario in funzione di “evidenti ragioni di tutela dell’interesse fiscale a fronte di casi registratisi di distrazione d’uso del prodotto ad aliquota ridotta”.

gasolio

 

In base al nuovo orientamento, quindi, per i terreni condotti con "comodato verbale" non si potrà più richiedere il gasolio agricolo agevolato.

Precedentemente l’Agenzia aveva ammesso la possibilità di accedere alle agevolazioni fiscali anche per i comodatari-conduttori, fatto salvo il rispetto degli obblighi previsti per il contratto di affitto, tra cui l’obbligo di allegare la documentazione comprovante la conduzione a titolo di comodato o una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, resa dal comodante, dal comodatario o congiuntamente.

 

Per consultare la circolare clicca qui

 

 

g.d.

primi sui motori con e-max
 
Copyright © 2018 Terrenitalia.it. All Right Reserved.
Powered By Joomla Perfect