La disoccupazione agricola Inps 2017 è una prestazione a sostegno del reddito destinata agli operai iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli. Tale indennità viene pagata in un’unica soluzione dall’Inps.
Possono accedere all'indennità di disoccupazione agricola:
  • operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano solo per una parte dell’anno;
  • gli operai a tempo determinato;
  • piccoli coloni;
  •  piccoli coltivatori diretti (che integrano fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi tramite versamenti volontari);
  • familiari compartecipanti.

L’indennità di disoccupazione agricola 2017 spetta ai lavoratori agricoli con i seguenti requisiti: 

  • essere iscritti negli elenchi nominativi del 2016 dei lavoratori agricoli dipendenti a tempo determinato o avere almeno due anni di anzianità nell'assicurazione contro la disoccupazione involontaria;
  • aver versato nel biennio 2015/2016 almeno 102 contributi giornalieri (possono essere utilizzati, per raggiungere i 102 contributi, anche quelli figurativi relativi a periodi di maternità obbligatoria e congedo parentale, compresi nel biennio utile).
La domanda di disoccupazione agricola 2017 per l'anno di competenza 2016 deve essere presentata entro il 31 marzo 2017, pena la decadenza dal diritto. In caso di decesso dell’assicurato, la domanda potrà essere inoltrata dagli eredi sempre entro il 31 marzo dell’anno successivo in cui si è verificata la disoccupazione involontaria.

Da quest’anno per l’accredito dell’indennità bisogna compilare insieme alla domanda anche il modello SR163 utile per il riconoscimento dell'IBAN bancario o postale da parte dell'Istituto di credito.  Per scaricare il modello SR163-inps clicca qui

Il pagamento dell’indennità di disoccupazione agricola determina automaticamente l’accredito di contribuzione figurativa, calcolata detraendo dal parametro 270 (anno intero ai fini pensionistici) le giornate lavorate e quelle già indennizzate ad altro titolo. Le giornate accreditate figurativamente sono utili ai fini del diritto e della misura delle pensioni di vecchiaia, invalidità e superstiti. 
L'importo  della disoccupazione agricola viene calcolato nella misura del 40% della retribuzione di riferimento. Dall'importo spettante viene detratto il 9% per ogni giornata di indennità di disoccupazione erogata a titolo di contributo di solidarietà. Questa trattenuta viene effettuata per un numero massimo di 150 giorni. Ai lavoratori agricoli a tempo indeterminato l’indennità viene erogata per un importo pari al 30% della retribuzione effettiva e non è applicata nessuna trattenuta per il contributo di solidarietà.
 


Si ricorda che contestualmente alla domanda di indennità di disoccupazione agricola può essere avanzata la richiesta dell’ANF (l’assegno al nucleo familiare) entro il limite della prescrizione retroattiva di 5 anni.
La percezione dell’assegno è, però, legata alla durata dell’attività lavorativa. Agli operai agricoli a tempo determinato che svolgono nell'anno solare meno di 101 giornate di lavoro agricolo, l'assegno al nucleo familiare compete: per le giornate effettivamente lavorate, maggiorate della percentuale delle giornate spettanti a titolo di ferie e festività (13,78%); per tutte le giornate di disoccupazione coperte da contribuzione figurativa, detraendo dal parametro 270 le giornate lavorate e quelle indennizzate ad altro titolo fino ad un massimo di 180 giorni. Agli operai agricoli a tempo determinato che svolgono nell'anno solare un numero pari o maggiore alle 101 giornate di lavoro agricolo, l'assegno al nucleo familiare compete per l'intero anno (312 giorni) sull’attività lavorativa.
L'assegno al nucleo familiare compete anche per le giornate di inattività, causata da infortunio o malattia professionale, malattia, gravidanza.


Fonte: Inps

 

primi sui motori con e-max
 
Copyright © 2018 Terrenitalia.it. All Right Reserved.
Powered By Joomla Perfect